Manifesto
Credo nel potere della creatività - la capacità di fare o pensare o vedere qualcosa che prima non esisteva - e della bellezza - che rende tutto più semplice da comprendere e vendere - per cambiare le cose in meglio, per modellare e ispirare persone e aziende.
Ogni lavoro ha il suo contesto.

Prima il concept poi il design.
Non sviluppo design per l'approvazione di altri designer ma per i miei clienti.

Ogni lavoro che produco è uno strumento di comunicazione.

Se ha un aspetto familiare, va cambiato.

Mescolo liberamente le discipline creative che conosco.
Non ho paura di sbagliare, imparo dai miei errori.

Non sono un'artista. Sono un designer commerciale multidisciplinare.

ALTRI ARTICOLI SUL TEMA
PER CONTATTARMI +39 340 67512 93

Ma esattamente cosa fai?

‘O sapivono ca ‘O Principe s’accattava ‘a robba ‘a mano ‘e Gennaro? Fora ‘a ll’accuorde noste? Pe’ chest teneva tutte chille sorde! Teneva raggione Rosario. Aveva capite tutte cose, nun se fidava. Gennaro ‘o vuleva fa crescere e o momento buono arrevutava ‘o tavolo. E nunn’è stato ‘O Nano ‘a accidere ‘O Principe. È stato Pietro Savastano. Pure si ‘o ssapeva ca isso era ‘o cumbariello do figlio. E arreto a morte do Nano, sempe Pietro Savastano!

Lavori da sola?

Tutte quante tenimmo ‘na ferita, n’umilazione, ‘nu muorto ‘a chiagnere… ma ‘a mano ca c’ha fatte male è sempe ‘a stessa: ‘e Savastano! Ce sta chi ha perso ‘nu frate, coccheduno ‘o patre… pe’ colpa ‘e Gennaro e de’ guaglioni suoje. Ma tanto chella è ‘na storia passata, è fernuta. Chi ce teneva comm’a schiave mo’ sta nascosto dint’ a qualche e famiglie vostre gestivano a stipendio do’ ‘e Savastano, sarranno ‘e vostre! ‘E sorde ca guadagnate v’ ‘e mettite direttamente dint’a sacca!

Nun te mettere maje tra me e ‘o sango mio!

Vint’anne! Sempe cull’uocchie apierte, a fa’ attenzione agli amice, ‘e nemice, ‘e traditure.’E traditure! Vint’anne! E po’ aggio passato tutte cose ‘mmane a te! ‘A barca l’e tenuta ‘mmano tu, Gennari’, e addo ce purtate a tutte quante? E mo’ viene cca a me dicere chillo ca s’ha da fa? Mamma toja m’o diceva sempe: ‘Tu ‘o vizie troppo assaje. Tutte ‘e